CAMPIONATO ITALIANO DI CULTURA GENERALE www.eccellenzenazionali.it
Premi in Palio: iPhone e ricariche cellulari per gli studenti - iPad e buoni spesa per i docenti - finanziamento alla scuola

19 maggio 2017   
Blue Whale Challenge
di Giulia Manzi

Il suo nome è Blue Whale, letteralmente balenottera azzurra, e attualmente è oggetto di indagini da parte della polizia russa. Il gioco, infatti, invita i partecipanti ad affrontare una serie di prove decisamente assurde. Ad esempio, guardare film dell'orrore per un giorno intero, incidersi sul corpo una balena azzurra, svegliarsi alle 4.20 del mattino, il tutto per 50 giorni. L'ultimo giorno il gioco prevede una provocazione mortale: trovare l'edificio più alto della città in cui si abita e saltare giù. Così gli ideatori di questa terribile moda invitano i partecipanti a togliersi la vita. I ragazzi che si sono lasciati trasportare in questo vortice di orrore, prima di farla finita, lo dichiarano sui social con frasi piuttosto enigmatiche: "Questo mondo non è per noi" oppure "Siamo figli di una generazione morta". Le autorità russe informano che il Blue Whale, in sei mesi, ha portato al suicidio 130 adolescenti. Gli ultimi due casi risalgono proprio allo scorso fine settimana: si tratta di Yulia Konstantinova, 15 anni, e Veronika Volkova, 16 anni. Le due ragazze sono state trovate morte ai piedi dello stesso condominio. Yula, dopo aver pubblicato su Facebook la foto di una balena blu incisa sul braccio, ha scritto "End" (fine) sul suo profilo. La sua amica Veronika, invece, dopo una serie di pensieri strazianti, ha twittato: "Il senso è perduto… Fine". La commissione d’inchiesta russa, in queste ore, sta cercando di tracciare una rete attraverso i contatti social dei ragazzi che si sono suicidiati per cercare di capire bene chi sta dietro a questa folle moda. Le indagini, ad oggi, hanno permesso di scoprire che le vittime appartenevano agli stessi gruppi on line e che alle spalle avevano famiglie tranquille. Ma chi c’è dietro questo inferno virtuale? Secondo quanto riporta il Siberian Times, dietro al Blue Whale ci sarebbe Budeikin Phillip, un ragazzo di 21 anni, accusato di essere l’ideatore della macchina del suicidio. Attualmente è dietro le sbarre. Ma anche se la persona che ha diffuso tutto questo inferno è tra le sbarre, anche in Italia, si dice, che ci sono milioni di persone che diffondono la Blue Whale Challenge.

visite articolo: 120

 

componente del giornale web
"SCRIPTA MANENT"
diretto da
Amalia Ammirati
Secondaria I°
Ammendola - De Amicis
di San Giuseppe Vesuviano (NA)