CAMPIONATO ITALIANO DI CULTURA GENERALE www.eccellenzenazionali.it
Premi in Palio: iPhone e ricariche cellulari per gli studenti - iPad e buoni spesa per i docenti - finanziamento alla scuola

23 agosto 2018   
Il prof. Diego Comensoli: una colonna al Meneghini
di Yuri Foini, Omar Maffeis

Gli studenti della redazione hanno deciso che per il numero estivo sarebbe stato interessante realizzare due tipi di interviste: una ad un professore ormai prossimo alla pensione ed una a un professore che abbia insegnato qui per la prima volta quest’anno; la scelta del docente ‘con esperienza’ è caduta sul professor Diego Comensoli, colonna portante del nostro Istituto, che insegna qui da ben 38 anni; per controbilanciare la sua personalità, poi, abbiamo scelto non uno, bensì due giovani docenti, che hanno insegnato qui per la prima volta quest anno: i professori Teresa Ferro e Antonino Randazzo.
Iniziamo quindi con l’intervista al professor Diego Comensoli.

Da quanto insegna? E da quanto al Meneghini?
Insegno dal 1980, sempre in questo istituto, sempre al chimico biologico, nel quale svolgevo anche il ruolo di direttore dell'indirizzo. I primi due anni ho lavorato come supplente a quello che allora non era il Meneghini che conosciamo oggi, perché allora dipendeva dagli istituti di Breno e Darfo, tranne l'indirizzo forestale, che era già una scuola a parte, quella dal quale il nostro istituto oggi prende il nome.
Come si è trovato in questi anni?
Generalmente bene, ho trovato una scuola tranquilla e con studenti educati.
Ha notato cambiamenti nel comportamento e nell’interesse degli studenti nella materia nel corso degli anni?
In generale no, li vedo sempre interessati perché motivati. Si nota però un calo nell'impegno e nello studio a casa; in laboratorio e nella curiosità scientifica, però, fortunatamente restano interessati.
Come pensa di trascorrere il tempo dopo la pensione?
Inizialmente non volevo andare in pensione, la mia preoccupazione era non trovare un hobby. Però ho risolto prendendo in gestione l'edicola in piazza a Edolo, grazie alla quale spero di restare in contatto con il mondo della cultura.
Cosa le mancherà di più dell’Istituto Meneghini?
Il clima tranquillo e cordiale e il rapporto sereno tra collaboratori e studenti; non mi mancheranno invece la burocrazia e il formalismo a scapito della sostanza che sta avanzando nella scuola italiana e negli altri campi in generale.
Cosa fa nel tempo libero?
Viaggio e faccio escursioni, sono appassionato di fotografia naturalistica, curo e scrivo libri sul territorio e leggo.
Cosa pensa del passaggio dal registro cartaceo al digitale?
Il registro elettronico, anziché semplificare ha complicato alcuni aspetti della vita della scuola; ciononostante ritengo che sia stato un passo avanti nella trasparenza nei confronti delle famiglie e degli studenti.

Abbiamo chiesto al Prof. Diego Comensoli anche di fornirci una foto a corredo di questa breve intervista, ma lui, confidando nelle nostre capacità di reporter, ci ha sfidati a procurarcela: ringraziamo quindi il prof. Antonio Ferreri che ci ha inviato questa, nella quale il Prof. Comensoli compare con lui sull panchina gialla, mentre su quella rossa ci sono il Vicepreside Prof. Valerio Zani e il Prof. Salvatore Veltri)

visite articolo: 421

 

componente del giornale web
Il Meneghini - periodico on line dell'IIS Meneghini di Edolo (BS)
diretto da
Paola Trotti
Istituto superiore
Istituto di Istruzione Superiore "F. MENEGHINI"
di Edolo (BS)