CAMPIONATO ITALIANO DI CULTURA GENERALE www.eccellenzenazionali.it
Premi in Palio: iPhone e ricariche cellulari per gli studenti - iPad e buoni spesa per i docenti - finanziamento alla scuola

17 giugno 2018   
Se la scuola non educa alla pace, che scuola è?
di VIRGINIA MARIANE

Oggigiorno, uno dei compiti primari della scuola e della nostra società è educare alla pace e alla cittadinanza. Al centro della scuola ci sono i ragazzi, individualità, persone che devono crescere e “imparare a vivere” in pace, nel rispetto degli altri, in un mondo in continuo e rapido cambiamento. Occorre quindi preparare i giovani a vivere da cittadini liberi, consapevoli e responsabili, evitando che le paure e le disuguaglianze abbiano il sopravvento, che sviluppino le capacità di collaborazione tra persone e mondi diversi, che imparino ad affrontare le sfide che ci stanno davanti e a cogliere le opportunità che la vita ci offre. La pace è un valore a cui spesso diamo poca importanza. Eppure, ovunque volgiamo lo sguardo, notiamo che il mondo è lacerato da guerre e violenze continue, tensioni e disuguaglianze. Ovunque scenari apocalittici di miseria, fame, guerra, traffici di armi, di organi e di persone, violenza, terrorismo, persecuzioni, sfruttamento e migrazioni. A ciò si aggiungono le devastazioni ambientali, il razzismo, gli episodi di xenofobia che non creano né un clima di serenità né tantomeno di tranquillità. Manca il dialogo, l’interscambio, la voglia di comunicare. Siamo presi dall’individualismo e dalla competizione selvaggia che anziché favorire la cooperazione e l’inclusione alimentiamo la conflittualità, la chiusura, l’esclusione e la violenza. Scegliere la pace piuttosto che l’alterco e lo scontro non è cosa facile, per questo si devono educare i giovani a immaginarla, desiderarla, capirla, difenderla se c’è e costruirla laddove manca. Pace è una delle parole più belle e più pronunciate al mondo, ma anche una delle più svalutate, equivocate e spesso manipolate. Molti la desiderano ma la considerano come un’utopia irrealizzabile e perciò inutile. Se la parola guerra è un termine forte e storicamente dominante, la parola pace è un termine fragile, spesso usato per definire semplicemente il contrario della guerra, la sua assenza. Dovremo cambiare posizione e iniziare a vedere la pace come “un ordine sociale e internazionale nel quale tutti i diritti umani possono essere pienamente realizzati per tutti gli uomini e tutte le donne”, come afferma l’art. 28 della Dichiarazione dei diritti umani. La pace perciò non è solo un arco temporale più o meno lungo che segue la guerra, ma è cibo, acqua, salute, lavoro, dignità, giustizia, istruzione, uguaglianza, rispetto, fraternità, libertà, non violenza, inclusione, legalità, democrazia, solidarietà, accoglienza, responsabilità, diritti umani e memoria. Solo vista così la pace diventa non solo un valore cui appellarsi ma un diritto e un obiettivo da perseguire con gli strumenti del dialogo, della politica, della cultura, del diritto, dell’educazione, della solidarietà, ed è per questo che dipende dall’impegno di tutti. La pace diventa perciò uno stato d’animo e una condizione sociale, un sentimento individuale e un comportamento collettivo. E’ un modo di vivere insieme agli altri, nel rispetto dei diritti e della dignità di ciascuno, in armonia con la natura, l’ambiente, gli uomini che ci circondano. Per giungere alla pace è necessario educarci ed educare alla pace, facendo riscoprire ai giovani il significato autentico, il valore e i vantaggi della pace per imparare a vivere insieme, senza tensioni né violenza, promuovendo costantemente il rispetto della dignità e dei diritti fondamentali di ogni essere umano, riconoscendo e valorizzando le diversità. Per questo deve partire dalle famiglie e dalla scuola l’educazione alla pace, perché tocca tutti gli ambiti dell’educazione, li connette e li integra in modo costruttivo. Non può essere delegata a qualcuno ma è il risultato di un’azione congiunta, coordinata, continuata. La pace si insegna e si impara; per questo la scuola ha una responsabilità speciale, perché considera la pace come lo sfondo integratore dell’intero processo formativo. La scuola è un grande spazio d’incontro e di crescita, uno dei pochi luoghi pubblici che funzionano come comunità. E’ un luogo dove si cresce e ci si allena a vivere nel rispetto, si studia e si fa esperienza di pace. Una scuola di pace è una scuola che riflette su se stessa e che si ripensa in continuazione. La scuola è il luogo ideale per ricreare, elaborare e sperimentare la cultura della pace.

visite articolo: 229

 

componente del giornale web
L'Informatore sardo
diretto da
VIRGINIA MARIANE
Scienze umane
Sebastiano Satta
di Nuoro (NU)