CAMPIONATO ITALIANO DI CULTURA GENERALE www.eccellenzenazionali.it
Premi in Palio: iPhone e ricariche cellulari per gli studenti - iPad e buoni spesa per i docenti - finanziamento alla scuola

02 dicembre 2018   
I LAGHI PIU’ BELLI AL MONDO
di Bartolomeo Panfilo Classe 3^ B.?

A nord del Sichuan, in Cina, c’è la riserva naturale del Huanglong.

Questa riserva è nota in tutto il mondo:

- perché ospita dei rari esemplari di Panda Giganti
- per i suoi coloratissimi laghi
- per le sue numerose cascate, che, come le ‘fair pool scozzesi’, anch’esse sono chiamate con il termine: “piscine delle fate”.

?La riserva racchiude in sé degli ecosistemi intatti e splendidi paesaggi che comprendono foreste selvagge, canyon e laghi colorati.

La sua valle si estende per di 7,5 chilometri ed è a forma di U.

E’ una perla incastonata tra alte colline e montagne innevate, cascate di travertino e banchi di calcare, con vette che variano dai due mila metri raggiungendo gli oltre i tremila metri.

Il parco è l'habitat naturale per due specie che sono in pericolo di estinzione:

- la scimmia dorata del Sichuan
- il Panda Gigante, che purtroppo, a causa delle dimensioni del parco e il numero di turisti, le probabilità di vederlo sono davvero poche.

Da recenti dati di controllo sullo stato in cui si trova la riserva è risultato che:

- solo circa 20 Panda vivono all’interno del parco, ma sono state registrate anche 140 specie di uccelli, pesci e insetti. Molti turisti hanno avuto la fortuna di aver potuto avvistare anche dei leopardi, degli orsi bruni e l’orso nero asiatico

- la flora è molto varia, a seconda dell’altitudine: nelle regioni più basse si trovano erbe e canne, mentre nella parte più alta abbondano foreste di conferire e latifoglie.
Per chi volesse recarsi in Cina può anche visitare:

- la valle Jiuzhaigou, che significa “Valle dei Nove Villaggi”, che è uno dei parchi più spettacolari e si trova ai piedi dell’altopiano tibetano, ed è famoso per le sue cascate a più livelli, laghi che cambiano colore a seconda della vegetazione, e dense foreste da cui spuntano picchi nevosi che raggiungono anche i 4.500 metri

- le tre delle valli aperte ai turisti sono: Zechawa, Rize e Shuzheng

- la quarta valle dal nome Zharu, che è accessibile solo con un permesso speciale, ma se avrete fortuna e e qualcuno parlasse cinese, poiché la popolazione conosce a stento l’inglese, si può chiedere al padrone della casa in cui i soggiorna di prenotarvi una gita a Zharu.

Spero che il mio terzo articolo ‘turistico’ vi abbia interessato. Per ora vi lascio in attesa del mio prossimo articolo che invece sarà di tipo scientifico, Ciao.

visite articolo: 1.093

 

componente del giornale web
FOSCARINI NEWS
diretto da
Raffaele Vallone - Giancarlo Calatafini
Secondaria I°
Convitto Nazionale Marco Foscarini
di VENEZIA (VE)