GIORNALE BENEMERITO DI ALBOSCUOLE   ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI GIORNALISMO SCOLASTICO
TARGA D'ARGENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

 

Fondato nel 2005

  Farò del mio peggio

News

Foglio dei liberi pensatori del Liceo Scientifico "O. Grassi" 

 

Farò del mio peggio News - il giornale web della scuola O. Grassi di SAVONA (SV) diretto da Vincenzo D'Amico - Vincenzo D'Amico
Liceo Scientifico - Dirigente scolastico: Fulvio Bianchi - www.alboscuole.it/farodelmiopeggionews - lettori 56.565

Premi Nazionali: 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013
prima pagina archivio articoli redazione
22 febbraio 2014   
Violenza sulle donne: mettiamo fine a questo tormento
di Giulia Indelicato

La maggior parte delle violenze subite dalle donne hanno come autori componenti della famiglia , fidanzati ed ex fidanzati: la donna è vittima di violenze in un ambiente dove dovrebbero regnare l'amore e la stima. Sempre più spesso si ha l'abitudine di attribuire le colpe di questi abusi agli extracomunitari, ...


20 febbraio 2014   
La vera democrazia è inclusiva!
di Daniela Sula

Polemica continua tra la ministra dell'integrazione, Cécile Kyenge, e il segretario della Lega nord, Matteo Salvini. Alcune forze politiche fanno leva sulla paura di una parte del popolo italiano nei confronti degli extracomunitari, in modo tale da assicurarsene il voto. Bisogna mettere in chiaro che ...


18 febbraio 2014   
Recensione di "La vita è bella" di Roberto Benigni.
di Francesca Ghilarducci

Un film di Roberto Benigni con lui stesso nella parte di Guido Orefice, giovane ebreo di 25 anni che trasferendosi ad Arezzo conosce Dora (Nicoletta Braschi), maestra elementare da lui soprannominata "Principessa". Dopo vari eventi i due decidono di sposarsi e dal loro amore nasce Giosuè. In Italia scoppia la Seconda Guerra Mondiale. La famiglia riesce a non essere divisa: Dora continua il suo mestiere di insegnante e Guido apre una libreria, mentre Giosuè cresce. Ma proprio il giorno del quinto compleanno del piccolo, i nazisti irrompono nella loro casa deportando in Germania Guido, Giosuè e lo zio Eliseo. Dora, presa dall'amore, riesce a convincere un soldato nazista a farla salire sul treno con loro. Durante il viaggio e, poi in tutto ...


18 febbraio 2014   
Pensieri
di Roberta Marcoli

Il vento accarezza la pelle, la sfiora, come le dolci carezze di una madre affettuosa; Il vento continua a soffiare, alza la sabbia, incresta la superficie del mare... Il vento mi ricorda la libertà, sfuggente, inafferrabile, passa di luogo in luogo, ma è sempre lì, sempre in viaggio, a volte troppo forte per poterlo inseguire, a volte troppo debole per poter armare la vela e andare. La libertà è forse un ideale? Un immaginario irrealizzabile. Forse sì, ma la libertà di parola, la libertà di pensiero: no… quello è qualcosa di concreto, intoccabile, non percepibile, è vero, ma c’è, nella mente libera, nella mente aperta. Pensare al mondo, a noi stessi, alle nostre paure, ai nostri piccoli o grandi problemi ed interpretarli, a modo nostro, ...


18 febbraio 2014   
Rubrica di una emigrata!
di Roberta Marcoli

Nuova Zelanda_ Mount Maunganui _ 1 mese e 3 giorni E dopo un mese e tre giorni, dopo 42 ore di volo, dopo aver cambiato cibo, casa, amici, scuola, lingua, mi ritrovo davanti al mio computer con l’intensione di descrivere, raccontare e riportare ciò che un ‘immigrata’ può vedere, captare e cercare di decifrare! Gli argomenti da affrontare sono migliaia, le differenze: ho perso il conto, a dirla tutta non so nemmeno da dove iniziare, non so quale argomento possa essere più interessante, so solo che ora come ora, mentre io sto scrivendo e il sole sta tramontando, da voi è mattino, e questa è la cosa che mi stupisce più di tutte. Mi posso definire avanti nel tempo, mettiamola così, se ci sarà una nuova ‘fine del mondo’ riuscirò ad avvisarvi con ...

18 febbraio 2014   
Reportage di una Exchange “neozelandese”
di Roberta Marcoli

Come ogni exchange ‘neozelandese’, anche io mi sono tuffata nell’avventura on the road per un tour dell’isola del Sud. La famosa isola del ‘Lord of ring’, la sconfinata terra di mezzo, dagli infiniti spazi e centinaia di km di mandrie di pecore. Mi piace ricordare questa terra come l’infinita distanza, ...


18 febbraio 2014   
ancora maltrattamenti sulle donne
di Giorgia Raso

Statisticamente, le violenze in famiglia o, comunque, da parte di persone conosciute, sono infinitamente più frequenti di quelle "da strada". La maggior parte delle violenze sulle donne vengono commesse da familiari, fidanzati, ex fidanzati e forse è giunto il momento di interrogarci su questo, invece si sbatte il mostro in prima pagina se è un extra comunitario. In poche ore un'operazione coordinata dalla compagnia dei carabinieri di Rho ha portato a diversi arresti nell'hinterland. Finiscono in manette un quarantaduenne di Bollate e un ventiseienne ecuadoriano, accusati di maltrattamento contro le donne. La violenza sulle donne esiste da sempre, per quanto il fenomeno sia in aumento. Il fenomeno è serio come lo è sempre stato. E' una ...


16 febbraio 2014   
Scuole più tecnologiche, ADSL e internet veloce
di Giorgia Raso

Avere internet veloce in tutte le scuole rappresenta un bene per tutti gli studenti che possono avvalersi di molte più informazioni per svolgere i loro compiti a casa e a scuola. Possedere l’ADSL in tutte le scuole rappresenterebbe la felicità di tutti gli studenti, in quanto ci si può avvalere di una rete wi-fi vicina per fare alcune ricerche a scuola. Se durante la lezione vengono sollevati dubbi su un determinato argomento, si può accedere alla rete per i chiarimenti necessari, all’istante, mediante il computer. Nella società moderna, dove i Tablet stanno prendendo il posto dei libri, senza una rete internet veloce non si può accedere ai vari libri elettronici e siti specifici (come ad esempio quello della Zanichelli), contenenti spiegazioni ...


16 febbraio 2014   
Uccidimi
di Tommaso Giaccardi

La fiamma del dibattito sull’eutanasia si è riaccesa, principalmente grazie a leggi approvate e cariche di approvazione. Sì, ho scritto grazie, perché temi così delicati necessitano di un vivo dibattito aperto, che vada oltre pensieri politici e religiosi. La Libertà della Persona deve stare fuori da ...


16 febbraio 2014   
Savona commemora i caduti di Lampedusa
di Giorgia Raso

Sempre più persone ormai si creano un account face book (noto social network), dove troviamo la maggior parte delle informazioni che ci servono grazie a post resi pubblici da molte persone. È anche il caso del vice-sindaco Savonese Livio di Tullio che in data 4 ottobre 2013 ha postato un annuncio assai importante nel pomeriggio. Esso riguardava la strage a Lampedusa; in occasione del lutto nazionale il vice-sindaco invita tutte le associazioni, le istituzioni e tutti i cittadini a raccogliersi in piazza Mameli, in centro Savona, intorno al Monumento ai Caduti alle ore 17.55 per fare un minuto di silenzio al rintocco delle campane del Monumento; l’avviso pur essendo stato diramato non molto tempo prima è stato letto da molte persone le quali ...

16 febbraio 2014   
No alla discriminazione
di Giorgia Raso

I tempi corrono e ci sono sempre più persone di varie etnie che si trasferiscono in Italia per cercare lavoro, queste sbarcano nel nostro paese per riassestarsi e per cercare un posto di lavoro onesto con il quale guadagnare un po’ di soldi per far mangiare i propri cari, ma spesso vengono discriminati e non assunti a prescindere, solo perché la loro pelle non è del nostro stesso colore. Addirittura, secondo una legge del 1939, il personale di colore presente sulle navi italiane deve avere alloggi separati da quelli delle persone non di colore; fortunatamente non è mai stata applicata, ma è ancora presente. Walter Rizzetto, deputato del Movimento Cinque Stelle, in commissione ha preso la parola, proponendo di eliminarla del tutto ma non ha ...


16 febbraio 2014   
all'alba dell'era del digitale si accerta la morte della dignità.
di Elisa Pesce

I giovani ormai hanno perso la concezione di dignità e umanità, ultimo il caso di una ragazza che a Milano ha aspettato fuori da scuola per venti minuti una sua coetanea ed una volta uscita l'ha insultata e picchiata accusandola di averle rubato il fidanzato. Partendo dal presupposto che l'idea di fondo è inconcepibile, in quanto "rubare" una persona è materialmente impossibile: non siamo oggetti di proprietà e quindi,non possiamo essere comprati, venduti e tanto meno rubati. Questo episodio dovrebbe condurci, però, a riflessioni più ampie perché se da una parte potrebbe sembrare una comune lite tra adolescenti dall'altra bisogna sottolineare che la rissa è stata filmata e messa in rete. Il punto principale non è dunque la ragazza che, arrivando ...


16 febbraio 2014   
I cavalli di Francesco
di Tommaso Giaccardi

Tra i corridoi delle aule vaticane gira voce che la maggior parte dei cattolici sia favorevole all’aborto, al divorzio e ai contraccettivi. Barzelletta davvero molto divertente per vescovi e arcivescovi, che dopo qualche risata si rifugiano nel contegno della poltrona foderata. Peccato che non sia una ...


15 febbraio 2014   
Emergenze umanitarie strumentalizzate
di Elisa Pesce

Non è l'ultimo il caso della morte di 111 profughi che stavano cercando una nuova vita e ora tacciono allineati in sacchi di nylon neri. Sono tutti senza identità, rappresentati da un numero che toglie all'individuo anche l'ultimo briciolo della propria identità, storie e volti diversi accomunati da catastrofi. Ogni volta sembrano disgrazie ineluttabili, senza mandanti né colpevoli, colpa della violenza che devasta l'Africa , delle guerre, della fame si ripete. Non è così, le tragedie hanno un mandante, denuncia l' ONU, si chiama Teklai Kifle (soprannominato generale majus) ed è il generale eritreo a capo delle operazioni di traffico di esseri umani. La tratta ha inizio dal' Eritrea dell'ovest, sotto la guida del generale Majus ed è legata ...


15 febbraio 2014   
Un indumento rosso contro il femminicidio
di Elisa Pesce

Il 25 novembre un indumento rosso simboleggiava le centinaia di donne che hanno perso la vita solo nel 2013 a causa di un marito, un fidanzato che le considerava oggetti di proprietà e come tali si è sentito autorizzato a togliere loro la vita. Una frazione di secondo e la gelosia si trasforma in furia omicida, mille sciarpe rosse, nelle scuole, in piazza, ovunque si dà un contributo per dire:"ci siamo e non cederemo sotto al peso di dati così opprimenti"! Ogni due giorni muore per mano di un uomo una donna e dire no, anche con il più piccolo gesto, è di fondamentale importanza, non solo per le donne che contribuiscono con un segno di solidarietà, ma anche per gli uomini che devono combattere queste atrocità, facendo sentire le loro voci ...