ALBOSCUOLE   ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI GIORNALISMO SCOLASTICO
TARGA D'ARGENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
Il Gallo Strillone
on line
- il giornale web della scuola I.T.C. A. GALLO di AVERSA (CE) diretto da Salvatore Giordano
Istituto Tecnico per il Turismo / Istituto Tecnico Commerciale - Dirigente scolastico: Vincenza Di Ronza - www.alboscuole.it/111571 - lettori 33.983

Premi Nazionali: 2010 2011 2012
prima pagina archivio articoli redazione
10 aprile 2018   
PASSANO GLI ANNI.. MA “LE GAFFES” RESTANO!
di ADELE MANNA, ANNALISA SGLAVO, ROSA DE CRISTOFARO

Questo articolo ci sta molto a cuore, perché ci è stato affidato dal prof. Salvatore Giordano, responsabile del “Progetto di scrittura giornalistica”, in modo rivisitato visto che riprende l’argomento,originale, di un articolo scritto una decina di anni fa da alcune ex alunne e pubblicato su “Il Gallo Strillone”, giornalino degli studenti del nostro Istituto, a quei tempi realizzato in forma cartacea (vedi foto).
Leggendolo ci hanno colpito in particolar modo alcune gaffes molto divertenti come “A Firenze ci sono i firenzesi, come a Como ci sono i comodini!”… ma non solo, anche “A Londra c’è la Torre Eiffel!”.
A quanto sembra le cose non sono affatto cambiate.. perché a quanti di noi capita di fare delle "GAFFES" mentre si parla? Forse perché non colleghiamo bocca e cervello?! Oppure perché non siamo molto acculturati!?!? Certo è, che per un motivo o per un altro, queste cose succedono ed è impossibile non ridere. Con il sorriso sulle labbra ricordiamo un episodio in cui ad una nostra amica di classe venne posta una domanda: "Come si chiama l’attuale presidente della Repubblica? " e lei rispose "LUIGI MAZZARELLA"... E vi lasciamo immaginare quanto abbiamo riso. Oppure, un'altra gaffes molto divertente è stata detta da un nostro amico di classe con testuali parole "CHIAMATE L'AMBULANZA, MI SONO INCASTRATO IL NASO NEL DITO".... Un'altra ancora potrebbe essere quella fatta da un alunno che si infila nel cestino e dice al professore "MI RIFIUTOO"... o quando noi stesse facemmo , a un “dove sta la borsa?” d’istinto ci sfuggì una risposta surreale:“NELLA BOTTIGLIA!”
Ma certamente rimarrà nella storia (ovviamente, della nostra comitiva) quella di un nostro amico che all'avvio dello svolgimento delle lezioni si chiuse nell'armadietto ed uscì dopo 30 minuti esclamando: "ITALIA UNO!"...
Memorabile anche quella (involontariamente poetica) di un ragazzo di ritorno da una “gita scolastica”: mentre viaggiava in pullman coi i suoi compagni, vedendo apparire il mare all’improvviso, spalancò il finestrino e, tutto inebriato, esclamò: “Che ebbrezza marina!”.
Beh che dire...? Potremmo continuare ancora per molto, però preferiamo risparmiare qualche figuraccia a qualcun altro, soprattutto evitarvi un dolore alla faccia per le troppe risate.

P.S: Per questione di privacy i nomi di coloro che hanno fatto le gaffes sono stati omessi.

ADELE MANNA
ANNALISA SGLAVO
ROSA DE CRISTOFARO

visite articolo: 1.321

 

<<< torna indietro