ALBOSCUOLE   ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI GIORNALISMO SCOLASTICO
TARGA D'ARGENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Maffioli  

   Possagno & Crespano  News

Questa scuola partecipa al "Giornale d'Istituto online" grazie ad un accordo di collaborazione tra Provincia di Treviso e Associazione Alboscuole
Maffioli Possagno & Crespano News - il giornale web della scuola G. MAFFIOLI di POSSAGNO (TV) diretto da GIOVANNI COSATTI
Istituto Professionale Alberghiero - Dirigente scolastico: Alessandra Fusaro - www.alboscuole.it/113912 - lettori 31.889

Premi Nazionali: 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014
prima pagina archivio articoli redazione
01 gennaio 2014   
Genitori al lavoro per la cura e la protezione dei diritti dei figli
di G. C.

Un’altra serata dedicata in modo specifico alla collaborazione Scuola – Famiglia, dopo quella svoltasi nel maggio 2013, in cui è stato sviluppato l’impegnativo tema Genitori al lavoro per la cura e la protezione dei diritti dei figli. Si è tenuta, poco prima delle vacanze natalizie, il 19 dicembre, nella sala conferenze del Centro Sociale di Possagno, gentilmente concessa dall’amministrazione comunale. Alla presenza di una cinquantina di genitori, degli istitutori del semiconvitto e di alcuni insegnanti, la dottoressa Renata Barbieri, che oltre a coordinare il gruppo CIC di Possagno/Crespano coordina pure gli incontri fra insegnanti di sostegno e curricolari in modo da sviluppare una didattica efficace e il benessere degli studenti, ha esordito sottolineando che educare i figli è difficile. “Ecco allora – ha detto la dottoressa Barbieri - che le opportunità per capire i ragazzi (spazio ascolto CIC, colloqui con gli insegnanti, incontri, ecc) e per creare una collaborazione proficua fra scuola e famiglia, con la possibilità di parlare e sentirsi ascoltati, sono importanti per sviluppare un clima positivo e il più possibile costruttivo in famiglia e a scuola”.
Collaborare, significa infatti entrare in relazione per attivare delle strategie comuni e seguire delle linee condivise, dando delle indicazioni non consigli.
“Oggi i giovani soffrono la mancanza di limiti –ha ribadito la dottoressa Barbieri – e come conseguenza si verifica la mancanza di autonomia. Gli adolescenti sono vivaci, veloci, intelligenti, ma ciò non sempre significa che di pari passo cresca la loro emotività e, pertanto, i nostri ragazzi emotivamente sono “piccoli”, non autonomi. Educare significa poi far emergere il desiderio, cioè cercare di dare un significato alla propria vita e al proprio sé”.
Il titolo dell’incontro è stato provocatorio, ha indicato la dottoressa Barbieri: i giovani hanno diritto di obbedire (ciò non significa sottomissione). Se sanno obbedire, imparano pure a disobbedire, ma se non sanno obbedire fanno quello che vogliono. Il conflitto che nasce in famiglia è sano, aiuta loro a crescere. L’atto di obbedire è, quindi, un atto educativo e non ha una funzione repressiva. Le regole salvano la vita ai figli e perciò non bisogna avere paura delle sfuriate, perché gli adolescenti sono confusi non spavaldi. I genitori purtroppo spesso invece hanno paura. Ma i ragazzi oggi più che mai chiedono di essere rispettati e compresi ed è di conseguenza molto importante dare testimonianza di fiducia, sostenerli, lasciate che esprimano i desideri- ha sostenuto la dottoressa Barbieri - permettete loro di obbedire e di separarsi dai genitori e loro dai genitori per far crescere in loro la capacità di autonomia e di pensare, dando Amore e non cose, ricordando sempre che gli adolescenti sono come dei fiumi carsici.
Molto partecipato è stato inoltre il dibattito, seguito all’intervento della dottoressa Barbieri, e molto lusinghieri sono stati i pareri dei genitori che hanno evidenziato l’ottima riuscita dell’appuntamento, la bravura della dottoressa Barbieri, auspicando di poter ritrovarsi nei prossimi mesi per poter affrontare altre tematiche relative alla collaborazione scuola-allievi-famiglie.
A conclusione della serata, organizzata dal Gruppo CIC di Possagno/Crespano di cui è referente la professoressa Daniela Marcolini e che é composto dai professori Chiara Forner, Michela Andreatta, Fabio Scomazzon, Giovanni Cosatti, dall’istitutore Natalino Macchion e dall’infermiera Daniela Savio, i presenti hanno gustato i dolci preparati dagli studenti.

visite articolo: 8.496

 

<<< torna indietro