ALBOSCUOLE   ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI GIORNALISMO SCOLASTICO
TARGA D'ARGENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

 

 

 

Il Viandante

 

 

 

Il Viandante - il giornale web della scuola N. SENSALE di NOCERA INFERIORE (SA) diretto da Assunta Tortora
Liceo Scientifico - Dirigente scolastico: Elvira D'Ambrosio - www.alboscuole.it/ilviandante - lettori 28.722

Premi Nazionali: 2006 2007 2008 2012
prima pagina archivio articoli redazione
08 giugno 2017   
IL RISPETTO ALLA BASE DELLA NOSTRA FORZA
di Francesco Di Serio

“La donna uscì dalla costola dell'uomo, non dai piedi per essere calpestata, non dalla testa per essere superiore ma dal lato, per essere uguale, sotto il braccio per essere protetta, accanto al cuore per essere amata”. Con questa frase, quasi cinquecento anni fa William Shakespeare affermava il suo odio per la violenza di genere, un terribile fenomeno che ancora oggi colpisce un gran numero di donne che non vengono rispettate dagli uomini ai quali affidano la propria vita. Anche il nostro liceo si è interessato a questa particolare tematica, e grazie al suggerimento della professoressa di latino e italiano Maria Villani è nato il progetto “La forza del rispetto”, un progetto formativo ed educativo, inserito nel PTOF, che è stato realizzato dai ragazzi di ben otto classi. I giovani sono i più coinvolti per quanto riguarda la violenza sulle donne, e sono i primi che devono essere educati a valori come il rispetto e l’uguaglianza: “Ringrazio tutti i ragazzi che hanno partecipato con entusiasmo a questo progetto […] perché la forza della nostra scuola siete voi”. Queste sono alcune delle parole spese dalla preside di fronte agli studenti e ai genitori riunitisi martedì 23 Maggio nell’Aula Magna del nostro istituto per la presentazione di tutti i lavori prodotti dalle classi I E, III F (che ha realizzato anche la locandina con lo slogan: “Dobbiamo dire NO alla violenza di genere”), II E, IV F, II A, II E, V G, e I I. La professoressa Villani ha inoltre sottolineato l’importanza del progetto, nonostante il tempo sottratto al normale programma scolastico: “Dobbiamo considerare che cos’è utile oggi per la scuola; sicuramente lo è la didattica, ma anche l’educazione e la formazione per aiutare i ragazzi a diventare cittadini migliori”. Alla manifestazione hanno preso parte anche il sindaco avv. Manlio Torquato, che ha pronunciato un discorso sull’importanza di educare i ragazzi al rispetto delle donne, e due psicoterapeuti rappresentanti dell’associazione “A Voce Alta Salerno”: il presidente dell’associazione Martino Fabio e la dottoressa Pamela Ursoleo. Entrambi i dottori si sono rivelati molto interessati e al contempo emozionati nel partecipare alla manifestazione del 23 Maggio; peraltro, tutto il progetto è stato supportato dalla stessa associazione che si occupa proprio della formazione e dell’educazione contro la violenza di genere.

La manifestazione, iniziata intorno alle 15:20, è stata curata sia dalla professoressa Villani che dalla professoressa Citarella, la quale ha presentato gli ospiti della giornata e gli alunni delle classi che di volta in volta hanno mostrato i propri progetti. I ragazzi sono partiti subito alla grande con un monologo letto dall’alunna di III F Martina Sele, molto toccante ed emotivamente coinvolgente grazie anche al sottofondo musicale “Nuvole Bianche” di Ludovico Einaudi. Presentazioni Power Point, cortometraggi e mini spot sono stati proiettati sulla lavagna multimediale dell’Aula Magna, tutti all’insegna della lotta contro la violenza di genere, mentre in alcuni punti dell’aula sono stati esposti i disegni realizzati da alcuni ragazzi, tra i quali Camilla Fasolino e Andrea Di Palma, che hanno espresso il loro “no” alla violenza di genere attraverso la loro più grande passione, il disegno. Alcuni degli alunni partecipanti al progetto, guidati dal professore di arte Giovanni Cuofano, hanno deciso coraggiosamente di trattare del problema della violenza sessuale, leggendo frasi riguardanti lo stupro della pittrice Artemisia Gentileschi, che sono state molto apprezzate dal pubblico, nonostante la loro durezza.

Gli altri professori che hanno preso parte al progetto con le loro classi sono Luisa Piro, Annamaria Luongo, Annarita Esposito e Assunta Tortora: professori di arte, italiano, latino e inglese sono stati quindi coinvolti in un vero e proprio progetto interdisciplinare. L’educazione dei giovani è il compito più importante della scuola, ed è proprio attraverso progetti come questo che si possono formare dei buoni cittadini. Siamo quindi orgogliosi del nostro liceo nella duplice speranza che il messaggio della prevenzione alla violenza di genere sia accolto da più ragazzi possibile e che esperienze del genere possano essere felicemente ripetute nei prossimi anni.



visite articolo: 2.225

 

<<< torna indietro