ALBOSCUOLE   ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI GIORNALISMO SCOLASTICO
TARGA D'ARGENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Istrana Reporter

Istrana Reporter - il giornale web della scuola Istituto Comprensivo di Istrana (TV) diretto da
Scuola Primaria / Scuola Secondaria I° - Dirigente scolastico: Gianmichele Costa - www.alboscuole.it/175085 - lettori 10.584

Premi Nazionali: 2013
prima pagina archivio articoli redazione
23 luglio 2013   
PROMOZIONE ALLA LETTURA
di Marco Gasparini 2^A

Gemelli diversi L’automobile dei carabinieri si fermò davanti a villa Bardi. Dentro al veicolo c’erano quattro uomini in divisa: uno di essi era Giuseppe Agliardi famoso lì a Roma per le sue abilità investigative. Veniva scelto solo per i casi più importanti e il furto nella residenza dei ricchi coniugi era uno di questi. Infatti i due custodivano nella loro dimora preziosi gioielli e un’ingente somma di denaro. I carabinieri entrarono senza esitare un istante. Come descrivere la scena che si trovarono davanti? La cassaforte era stata fatta esplodere, svuotata dei suoi contenuti e tutto era sottosopra. Alessio Bardi era imbavagliato e legato ad una sedia, ed era svenuto per una botta in testa, mentre sua moglie era sul divano, anche ...


08 giugno 2013   
PROMOZIONE ALLA LETTURA
di Gaia Fighera classe 1^B

LETTURA ANIMATA Il giorno 8 aprile siamo andati in aula magna insieme alla 1 A per ascoltare la lettura animata. Arrivati, abbiamo ascoltato la spiegazione del motivo per cui veniva fatta questa attività e due signori ci hanno spiegato l’argomento della lettura. L’argomento era l’Iliade il poema epico che racconta gli ultimi 50 giorni della guerra di Troia, durata dieci anni. Mentre il signore leggeva il brano, veniva accompagnato da un musicista che suonava in modo originale alcuni strumenti inventati con oggetti comuni. Con la musica erano rappresentate le scene descritte, per esempio, lo scontro a cavallo, ma anche i vari personaggi: i suoni erano duri e aspri quando c’erano combattimenti o scene violente; erano invece più dolci quando, ...


08 giugno 2013   
LABORATORIO DEL TEMPO PROLUNGATO
di Cestaro A., Favoro B., Fighera G. e Volpato V.

Educazione stradale Il 30 maggio le classi 2’c e 2’d si sono recate in aula magna per assistere alla lezione fatta dal comandante della polizia locale di Istrana, Paese e Morgano, William Cremasco. L’obbiettivo di questa attività era imparare come comportarsi per strada e le regole stradali. La classe, durante l’attività, ha mantenuto la sua unità spostandosi dalla propria classe in aula magna per seguire la spiegazione . La spiegazione si è suddivisa in diverse fasi : -spiegazione e ascolto -coinvolgimento degli alunni con esempi pratici e domande di curiosità -riflessione sull’attività con l’ insegnante in classe William ci ha spiegato il significato della parola “regola” cioè il rispetto verso gli altri. Dopo alcuni esempi abbiamo ...


23 maggio 2013   
LABORATORIO DEL TEMPO PROLUNGATO
di Asia Pastorelli 3^D

CHI TROVA UN AMICO ……… A scuola, noi alunni della classe 3°D abbiamo visto un film: Karla e Katrine amiche inseparabili. Narra la storia di due ragazze che scoprono il valore della vera amicizia. Durante una vacanza con le due famiglie, le due ragazze imparano a conoscersi affrontando i litigi inevitabili e superando le difficoltà in cui si imbattono. Questo film mi ha profondamente colpito soprattutto per la nascita di un’amicizia vera e profonda, destinata a durare in eterno. Mi ha colpito anche la maturazione di Karla: dalla bambina ingenua che si dimostrava, ha acquisito un carattere più maturo e ha perso l’infantilità che la connotava, sviluppando un carattere più deciso nei confronti di tutti. Mi sono piaciute anche le scene dove sboccia ...


20 maggio 2013   
LABORATORIO DEL TEMPO PROLUNGATO
di Brancaccio Riccardo e Pavan Pierluigi 2 C

LA FILTRAZIONE Il nostro scopo era quello di separare due sostanze solide (sabbia e il sale da cucina) che mescolate tra loro che formano un miscuglio eterogeneo,sfruttando prima la diversa solubilità in acqua,poi la diversa dimensione delle particelle. Per questo esperimento abbiamo usato un’asta di sostegno, un anello di ottone, un becher, un imbuto a gambo lungo, una carta da filtro, una bacchetta di vetro e una spruzzetta. Per prima cosa abbiamo prelevato il miscuglio e deposto nel becher. Poi abbiamo versato circa 100 ml di acqua nel becher e mescolato con la bacchetta di vetro. Abbiamo posizionato l’imbuto sull’anello e, sotto, abbiamo messo un becher di raccolta. Poi si prepara la carta da filtro e si ritaglia un cerchio con diametro ...

20 maggio 2013   
LABORATORIO DEL TEMPO PROLUNGATO
di Brancaccio Riccardo e Pavan Pierluigi 2 C

Premessa. In laboratorio di scienze insieme alla prof di matematica abbiamo eseguito degli esperimenti di chimica. Durante questa lezione è intervenuto un esperto esterno, un vero chimico, che ci ha spiegato e mostrato come fare questi esperimenti, anche se l’ultimo non siamo riusciti (per motivi di tempo) a completarlo del tutto. CROMATOGRAFIA SU CARTA Il nostro scopo era quello di osservare la separazione dei pigmenti del colore di un pennarello ad acqua. Per l’esperimento sono serviti: una carta per cromatografia,un becher,dell’acqua e dei pennarelli ad acqua. Per prima cosa abbiamo fatto una riga a matita leggera a circa 1,5 cm dal bordo della striscia di carta da cromatografia e su quella riga abbiamo fatto dei puntini con i pennarelli ...


23 aprile 2013   
LABORATORIO DEL TEMPO PROLUNGATO
di Lorenzo e Andrea 2B

L’ ALIMENTAZIONE Noi ragazzi della 2°B, durante l’ora di laboratorio, abbiamo realizzato una ricerca relativa all’alimentazione. Questo lavoro ha coinvolto tutte le classi della scuola. Abbiamo consegnato ai ragazzi delle schede anonime in cui chiedevamo se e che cosa mangiano durante la giornata. Il giorno dopo abbiamo raccolto il materiale e con i dati ricavati abbiamo realizzato dei grafici suddividendo le varie risposte. Poi abbiamo realizzato dei cartelloni che abbiamo esposto nell’atrio della scuola…GUARDATELI!! Successivamente abbiamo fatto un altro cartellone descrivendo le norme principali da seguire per una sana alimentazione. Alcuni dei nostri compagni si sono divertiti a fare un altro cartellone inventando dei gustosi paninazzi… ...


15 aprile 2013   
NOI DEL MUSICALE
di Emma Fuser 1C

SUONO IL PIANOFORTE L’anno scorso al momento dell’iscrizione c’era la possibilità di scegliere uno strumento musicale ed io ho scelto il pianoforte…tutto è iniziato così. Per me la musica è una cosa molto importante perché mi dà la possibilità di esprimermi in modo diverso. La musica mi sembra come una lingua che ci può raccontare sentimenti, emozioni, momenti della vita, ma anche descrivere animali, la natura, avvenimenti e persone… Lo studio di uno strumento, però, può comportare anche delle difficoltà: far fatica a suonare un brano, oppure non aver la voglia di mettersi a studiare perché si desidererebbe giocare o guardare la televisione. Quando poi si studia e si supera ogni ostacolo, la soddisfazione di esserci riusciti è molto grande. ...


15 aprile 2013   
PROMOZIONE ALLA LETTURA
di Matilde Fuser 3A

TELEFONATA ALLA NONNA Sulla lezione con Carlo Rao S. Pietro:Pronto ?..Un posto vicino a Dio:il paradiso…Buongiorno. Sono S. Pietro,posso esserle utile? Matilde:Buongiorno S. Pietro . volevo parlare con le mie nonne Elisa e Giuditta. S. Pietro:In che reparto sono? Matilde:Non saprei..quello dei nonni … … … più vicini a Dio!? S. Pietro:Ah già ho capito di chi sta parlando !Sua nonna Giuditta purtroppo non c’è ;sta partecipando a una gita missionaria per i bisognosi dell’inferno insieme a Maria di Magdala e a Maddalena!Ma sua nonna Elisa è disponibile gliela passo subito. Matilde:Grazie mille! … … … QUALCHE MINUTO DOPO Matilde:Ciao nonnina! N. Elisa: Ciao bea!Come va Claudia? Matilde:Sono a Matilde nona! N: Elisa:Oh scusa bea!Gho ...


11 aprile 2013   
PROMOZIONE ALLA LETTURA
di Thomas Pestrin cl.3B

UNA LEZIONE SPECIALE Telefonata tra nonna e nipote N:”Pronto!” IO:”Ciao nonna!Sono Thomas!” N:”Ciao Thomas!” IO:”Come stai nonna?” N:”Benon!E ti?” IO:”Bene,bene,grazie.” N:”Cosa ghetu fatto un quò a scuola?” IO:”Oggi a scuola è venuto il professore Rao, un attore esperto di tecniche espressive , che ha svolto una lezione in Aula Magna per noi e per i ragazzi di un’ altra 3^; questa spiegazione riguardava la lettura espressiva di ...” N:”Cosa ghetu dito?Cossa sea stà letura espresiva?” IO:”Adesso ti spiego; questo insegnante ci ha letto dei testi letterari- come “Il cinque Maggio” di Alessandro Manzoni, diverse poesie di Ungaretti e un testo di Elsa Morante intitolato “Le Ali di Blitz”- con grande espressività e cioè impostando la ...

05 aprile 2013   
Tra sogno e realtà: cosa farò da grande?
di Luca Cavallin 3C

Quello della moda è un mondo vastissimo, un mondo meraviglioso se lo si riesce ad apprezzare nelle sue numerose sfaccettature. È l’universo di chi vuole distinguere e distinguersi. Se non lo si comprende non vale nemmeno la pena tentare di comprenderlo, a meno che non si sia armati di passione e buona volontà: dico “buona volontà” perché molte volte le creazioni di numerosi stilisti appaiono incomprensibili agli occhi di un “inesperto”, per così definire una persona che non ha sviluppato un occhio attento e meticoloso verso la moda, e così ci si ferma solamente alla prima impressione che la creazione di uno stilista suscita, quell’impressione che nasce utilizzando solamente criteri soggettivi, che rispecchiano i propri gusti. Con questo non ...


05 aprile 2013   
Tra sogno e realtà: cosa farò da grande?
di Marco Cavallin -3B

Un battito di ciglia, provate a pensare, solo un battito di ciglia. La razza umana ,fino ad ora, è vissuta un tempo che si può paragonare ad un battito di ciglia. L’uomo non vale niente, se così si può dire. Chi ricorderà, un giorno, il signor Taldeitali, paragonandolo alla storia e al tempo della Terra? Nel mondo a molte persone non interessa essere ricordate, avere gloria; a loro interessa solo vivere la loro vita al meglio con molti soldi e belle donne. Io penso invece che l’uomo dovrebbe fare un passetto in più per essere ricordato tra milioni d’anni come ad esempio oggi noi ricordiamo Leonardo da Vinci. L’uomo deve conoscere, sperimentare, imparare, scoprire, solo così un giorno avrà una piccola parte di gloria nello “stanzino”delle medaglie ...


26 marzo 2013   
TEATRO A SCUOLA
di Ferruccio Desirè cl. 3B

“MATO DE GUERA” TELEFONATA TRA NONNA E NIPOTE io:Ciao nonna come stetu?? Nonna:Ciao morotto mi tutto ben ti?Scuoea?? io:Ben ben grassie;scuoea tutto ben : mercore se vegnuo un attor a parlarne de a prima guera mondiae;pensa, el parlava parfin in diaetto!! nonna:Eora cossa ve gaeo dito?? io:El ne gà raccontà na storia de uno che se ‘ndato in guera e che se ciamava Ugo Vardanega; ghetu mai sentio sto cognome?? nonna:No no ,par carità, mi conosso soeo quei da Pessan; ma ora iereo no spettacoeo?Te se piasuo?? io:No el iera un'opera teatrale,monologo, na roba del genere ,un’idea del famoso scrittor trevisan Mazzoccato ;si ,dai ,no a iera gnanca mal; all'inissio el fasea anca ridar, forse verso a fine el comissiavaa noiar ...


26 marzo 2013   
NOI DEL MUSICALE
di Anna Feltrin 1C

A me è sempre piaciuto ascoltare musica. Quest’anno ho avuto l’opportunità di imparare a suonare il pianoforte. Superato un test d’ingresso, ho cominciato a frequentare le lezioni di musica: ho fatto amicizia con gli altri ragazzi, con i quali condivido anche il pranzo il giorno del rientro, e ho imparato a leggere le note nel pentagramma per poi suonarle. Dopo pochi mesi ci siamo esibiti in un “saggio” per presentare il progetto dell’Indirizzo Musicale ai bambini di quinta elementare che il prossimo anno frequenteranno la scuola media. All’inizio ero preoccupata: un po’ per il timore di sbagliare e fare brutta figura, un po’ per paura che le dita, molto sudate, scivolassero senza controllo sui tasti. Poi ho capito che era inutile avere paura: ...


26 marzo 2013   
INTERVISTA IMPOSSIBILE TRA LEOPARDI E MANZONI
di GIULIANO TRONCON, cl.3B

Milano, 6 Luglio 1825 “ Sono in ritardo, sono in ritardo!” “Cosa avete signor Leopardi, per cosa siete in ritardo?” “Oh, matrigna Natura perché mi hai fatto alzare dal letto così tardi?! Cocchiere! Portatemi subito dal conte Manzoni.” ,“Immediatamente, ma… perché avete codesta fretta?” “Alessandro… mi ha concesso l’ intervista!”. Qualche minuto dopo . “Siamo arrivati signore”. Ehm, però, guarda che bella dimora ha il conte Manzoni.” “Eccomi qua, uff, non pensavo ci fossero così tante scale.” Toc - Toc “Chi è?” “Sono Leopardi ,il conte Giacomo .” “Prego,signor conte, l’annuncerò subitamente.” “Oh conte Giacomo…entrate, entrate nella mia umile dimora.” “Scusate il mio ritardo.” “State tranquillo, caro amico, vogliamo procedere ...